Google; scherzo; 1 aprile; wifi; wc;

Pesce di Aprile

Il Pesce d’Aprile: le origini, nel marketing e nella comunicazione, esempi di scherzi digitali da cui trarre ispirazione. Alcuni esempi di come si costruisce un pesce di aprile e perchè alcuni funzionano ed altri no.

Origine del Pesce d’Aprile

La storia del pesce d’Aprile non ha origini certe, ma facendo alcune ricerche siamo riusciti ad individuare quella più accreditata. La nascita di questo trend sembra che sia avvenuta a fine 1500, a cavallo fra la fine dell’Alto Medio Evo e l’inizio della modernità; nello specifico in Francia durante il regno di Carlo IX. Tutto è iniziato per colpa di un nuovo capodanno. Fino ad allora il capodanno si festeggiava tra il 25 marzo ed il primo aprile, con l’assunzione del calendario gregoriano, quello che utilizziamo ancora noi, tale festività è stata sposta al 1 gennaio. La legenda più credibile della nascita del Pesce di Aprile narra del disagio delle persone ad adattarsi alla data del nuovo Capodanno, cioè l’1 gennaio, ed essere etichettate come le “sciocche di aprile”. Si, ma cosa c’entrano i pesci? Anche qui, non ci sono prove che confermano le teorie, sappiamo solo che si riferisce al fatto che, come i pesci, abboccano facilmente all’amo, così le persone che abboccano allo scherzo. Qualcun altro pensa sia dovuto al fatto che in quei giorni il segno zodiacale dei pesci viene abbandonato dal Sole e quindi le vittime di quei giorni hanno preso il nome di pesci di Aprile.

I migliori Pesci di Aprile nel Marketing

Ma veniamo agli aspetti che più ci piacciono, ovvero il Marketing ed i migliori Pesci d’Aprile. Tutti i brand, le aziende, i politici, chi è esposto al pubblico si interroga su come divertirsi e sfruttare questo evento.

Rircordiamoci sempre che far parlare di sè e soprattutto in maniera positiva è alla base del Marketing per le aziende.

Una notizia falsa è pericolosa, ma una notizia artefatta, con l’inmtento di far parlare di sé e del proprio prodotto fa sempre molto bene. Vediamo in questo elenco, che aggiorneremo ogni anno, i più clamorosi e divertenti pesci d’aprile fatti da grandi brand del mondo digital, e due annunci che usano il pesce d’Aprile in modo differente.

Pesce di Aprile di Google 2007: la toilet del futuro

Google TiSP: Toilet Internet Service Provider, il miracolo dell’Internet via WC. Era il 2007 ed il wi-fi non era diffuso come oggi, anzi non esisteva quasi per nulla. Se ad oggi per noi andare in bagno senza smartphone è impensabile, circa 15 anni fa era così impensabile andare in bagno con il telefono da farci un pesce d’aprile. Per gli irriducibili del telefono Google propose questa soluzione: sarebbe bastato acquistare il kit comprensivo di modem e cavo da inserire nel wc di casa per potersi collegare alla rete comodamente dalla tazza.

Google TiSP

Pesce di Aprile di Asus

Asus App Maiscarico: bufala divertente

Asus: il cellulare con tecnologia #ZenSun consisteva nello scaricare un’app sul cellulare per ricaricarsi ad energia solare.

Pesce di Aprile di Youtube e Snoop Dogg

Google in SnoopaVision, Google aveva annunciato la possibilità di vedere Snoop dogg sempre in tutti i video di YouTube.

Snoop Dogg e lo sherzo di YouTube

Pesce di Aprile: annunci e sociale

Qui sotto riportiamo un annuncio di Poste Italiane che si è servita del trend del Pesce d’Aprile non per intrattenere con un messaggio ironico, ma per veicolare un messaggio di responsabilità sociale. https://www.facebook.com/watch/?v=155520433109404&t=12 Sarà questa l’occasione giusta ed il metodo giusto per passare uin messaggio sociale? Per noi di Blu7 no, si rischia di perdere il messaggio sociale nella confuzione degli scherzi del 1 di Aprile e quindi si lascia per strada il messaggio. Ne parliamo anche nel nostro editoriale.

Cambio di piattaforma e da Facebook si passa a Twitter La reazione del PowerVolley Milano su Twitter, al Pesce d’Aprile fatto da Mediaset Sport, è stata ironica e divertati o ha prodotto anche della delusione? Se uno scherzo non è anche un po’ pungente, che scherzo è?

Come trovare ispirazione per un Pesce d’Aprile e creare uno scherzo digitale.

Questo è il problema principale di ogni prodotto, di ogni brand. Le soluzioni più probabili sono quelle che vengono dai problemi stessi dei nostri prodotti. Esempio: Produciamo pastasciutta. Il problema sono i tempi di cottura. Facciamo un pesce d’aprile su una pasta che NON scuoce mai!

Creiamo lo story telling per esemnpio con una mamma o babbo che mette la pasta, poi si mette a fare una altra attività, come andare a riprendere il figlio a scuola e quando torna la pasta che era già in cottura è perfetta, +è pronta per essere mangiata senza stare a sentire “E’ pronta la pasta?” E questo potrebbe essere il claim: “Pasta sempre pronta! Buttala ora, la scola tra una ora!”

Quando il pesce di aprile funziona come Marketing

Come abbiamo visto fino ad ora, il pesce d’Aprile può essere utilizzato davvero per diversi modi di comunicare. Non importa cosa sei, qual è il prodotto che vuoi promuovere, ciò che serve è avere ben presente la chiave vincente, ciò che accomuna queste diverse campagne di comunicazione legate al Pesce d’Aprile: tutte le campagne hanno l’impostazione “soluzione ad un problema”. Anche se la soluzione è finta.

Ripetiamolo: sono soluzioni a problemi. Spesso sono finte soluzioni, falsi annunci di una miglioria tecnologica, di un salto di qualità in ambito sportivo, di un nuovo dispositivo meccanico o elettronico. Sono soluzioni a problemi, sono un passo avanti.

Quando non funzionano le campagne del Pesce di Aprile? Quando generano confusione, quando mescolano sociale con tecnologico.

Il secondo elemento importante di una campagna del 1° Aprile è la vicinanza del Brand o del Prodotto alla soluzione proposta dallo scherzo. Se la app che ricarica sempre il cellulare l’avesse proposta una Azienda che produce pasta, non avrebbe avuto senso, non avrebbe avuto il seguito che invece può generare una Azienda del mondo tech. Quindi vicinanza del brand o prodotto allo scherzo è fondamentale. Il fenomeno del pesce d’Aprile sui social e nella comunicazione in generale ha un nome è si chiama Instant marketing. Si tratta di una tecnica di comunicazione usata per creare campagne pubblicitarie o contenuti social legando i propri prodotti/valore a eventi culturali, sportivi, ambientali, sociali. Ciò che sicuramente non dovete fare è lanciare nuovi prodotti durante quei giorni perché rischiate di essere confusi con la mole di scherzi pesce d’aprile.

Tags:

Data

Apr 01 2023

Luogo

Italia
Firenze

Prossimo avvenimento

QR Code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *