Home Tutti gli Eventi Giornata Internazionale Giornata internazionale dei diritti dei Migranti

Giornata internazionale dei diritti dei Migranti

Giornata internazionale dei diritti dei migranti
La Giornata internazionale dei migranti si celebra il 18 dicembre di ogni anno. Nasce allo scopo di tutelare i diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie.

Come è nata la giornata internazionale dei migranti

All’origine della Giornata internazionale dei migranti c’è un tragico evento che ha scosso l’opinione pubblica nel lontano 1972. È stato l’anno in cui in un incidente nel tunnel del Monte Bianco sono morte 28 persone, originarie del Mali. L’evento ha coinvolto un camion che avrebbe dovuto trasportare macchine da cucire e, invece, trasportava migranti in cerca di un lavoro, di condizioni di vita migliori.

Dopo l’accaduto, le Nazioni Unite hanno iniziato a interessarsi al problema delle migrazioni e dei diritti dei lavoratori migranti. Si è riconosciuta, quindi, la necessità di redigere un patto dal valore internazionale per la tutela dei suddetti diritti.

Nel 1990, l’Assemblea Generale ha approvato la Convenzione Internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie, documento in vigore dal 2003. Infine, nel 2000 è stata indetta la Giornata internazionale dei diritti dei migranti.

Di quali valori si fa portavoce, questo evento? Desidera prevenire i movimenti illegali e lo sfruttamento dei migranti, quindi proteggere i loro diritti nell’ottica dell’accoglienza.
Anche se ogni anno, in occasione dell’evento del 18 dicembre, capi di stato e pontefice dedicano le loro parole ai migranti, buona parte dei paesi dell’Europa, del Nord America, il Sud Africa, l’India, l’Australia e i paesi del Golfo Persico non hanno ratificato la Convenzione.

L’immigrazione in Europa

Il fenomeno della migrazione è antico come la nascita delle civiltà. Ma quello che per millenni è stato un processo graduale di spostamento e anche di fusione tra culture, oggi assume delle connotazioni inedite.

Il benessere ha reso possibile a un maggior numero di persone di vivere in condizioni dignitose, anche nei propri paesi d’origine. Ciò, tuttavia, non vale per tutte le aree del mondo.

La globalizzazione ha favorito i contatti tra nazioni e culture, ma non ha ridotto le difficoltà di gestione dei flussi, né ha messo fine ai conflitti e alla povertà. Nel frattempo, anche la crisi climatica ha inasprito le condizioni di vita delle persone in specifiche aree geografiche, così come viene spesso ribadito anche in occasione della Giornata mondiale della lotta alla desertificazione.

Infatti, sebbene i numeri siano più bassi rispetto al 2019 (prima della pandemia da Covid-19), in Europa sono immigrate 1,9 milioni di persone provenienti dalle aree extra UE. Il 40% di queste hanno ottenuto un permesso per ragioni di lavoro, stando ai dati del 2020.
Anche se l’Italia non ha ratificato la Convenzione sui diritti dei lavoratori migranti, è possibile seguire le iniziative annuali in occasione del 18 dicembre, consultando il sito dell’UNICEF.

Data

Dic 18 2022

Luogo

Mondo

Prossimo avvenimento

QR Code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *