Il Retro Marketing esiste da sempre, lo vediamo, lo incontriamo, spesso ci diciamo “ah già! maddai!”, ma non lo sappiamo riconoscere con questo nome o almeno non glielo abbiamo mai dato.

Oggi parliamo di Retro Marketing, ma facciamolo in leggerezza, con esempi pratici.

Cosa è il Retro Marketing

Il Retro Marketing è una strategia pubblicitaria che sfrutta elementi, immagini, contenuti del passato, già utilizzati in un altro momento o contesto, spesso in un’altra pubblicità e sono inseriti in una nuova pubblicità o messaggio, si sfrutta l’elemento emotivo della prima pubblicità e si travasa sulla nuova.

Mi raccomando, ciò che si travasa è sempre l’emozione e non la grafica o il messaggio.

Il retromarketing crea un insieme di ponti generazionali, culturali e sociali oppure crea un ponte storico nelle emozioni del solito individuo.

Vediamo qualche esempio pratico prima di scendere nel dettaglio per capire meglio di cosa parliamo.

La pubblicità di Segugio

Partiamo dal godersi il video della società di comparazione prezzi Segugio, riconosciamo alcuni elementi e poi perdiamoci nelle analisi.

La pubblicità di Seguigio.it con Rocco Siffredi ed il richiamo alla pubblicità Fiat

L’ultima pubblicità di Segugio è un piccolo gioiello, che mescola sapientemente citazioni cult e effetto nostalgia, creando uno spot che non passa inosservato.

Nel video, di una trentina di secondi, vediamo un uomo impegnato e allegro in cucina, mentre la moglie, di cui si sente solo la voce, sembra che sia sotto la doccia e urla di andare ad aprire all’idraulico, l’uomo va ad aprire la porta di casa e riconosce l’idraulico (cambia la musica come se ci fosse un effetto negativo-sopresa).

Fuori dalla porta l’idraulico è Rocco Siffredi, che si presenta con un beffardo «Buonaseeeera», super citazione!
Il riferimento è a una vecchia pubblicità Fiat di vent’anni fa, che ebbe un enorme successo di pubblico, anche se non sono sicuro che fosse davvero efficace quella pubblicità, perché tutti ricordavano lo spot, ma a pochi restava in mente il brand, Fiat. Si ricordava il “buonasera” come ci si era arrivati con lo storytelling e come veniva pronunciato e fu replicato in mille altri modi nei periosi successivi.
Ma pochi ricordavano Fiat.

Tre link esterni: 

1) https://www.youtube.com/watch?v=-Qg8IewQrv8
Pubblicità Fiat “cogli l’attimo” passata alla storia per quel “buonasera” pronunciato dall’attore

2) https://www.youtube.com/watch?v=oUn4-6huLOM
Rocco siffredi gioca sul doppio senso di “patatina” e dice io ne ho prese tante. Pubblicità di patatine chips

Analisi Marketing della Pubblicità Segugio

Segugio fa il mix delle due pubblicità precedenti: arriva Rocco Siffredi, dice “buonasera” con lo stesso tono della pubblicità storica e allude anche questa volta al fatto del doppio senso del suo essere attore pornografico con la figura dell’idraulico e della moglie.

L’utente è travolto dai messaggi: quelli storici della pubblicità, quello dell’effetto sorpresa con Rocco Siffredi e di tutti i doppi sensi.

E’ una pubblicità che sicuramente buca l’attenzione e come sempre c’è il pericolo di far rimanere in mente Segugui, come Brand.

Ma andiamo avanti col Retro Marketing.

Grafica vecchia, portata ad oggi

Una delle idee che circolano in questo periodo, sono il riutilizzo delle grafiche che hanno segnato una epoca, attualizzandole con messaggi o slogan moderni o utilizzandole in un contesto nuovo.

Ancora qualche esempio.

In queste Stampe prese dal sito “i posterini” vediamo l’esatto mix tra grafiche anni 80 e messaggi o moderni o volgari (nel senso del volgo, popolari, grossolani).

Approdondimento: il Retro Marketing rientra nella categoria “Positive Thinking” che puoi leggere qui

Lo scopo è: prendo un elemento del passato, la grafica, mi prendo le sue emozioni nostalgiche, amarcord, ma anche confort (“quanto stavo bene in quel periodo” per esempio) e le inserisco in un contesto nuovo.
Mi spingo oltre e ci metto un messaggio che va bene per la situazione attuale: un locale per giovani, un regalo ad un amico con cui abbiamo molta confidenza.

Ricorda che nel Retro Marketing si usano i segni grafici o pubblicitari vecchi, ma si travasano le emozioni, i sentimenti.

Per qualsiasi altro aspetto o curiosità, scrivici che ne parliamo volentieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.