Home Tutti gli Eventi - Blu7 Giornata Internazionale Giornata Internazionale della Lingua dei Segni
mani; Giornata Internazionale della Lingua dei Segni; Giornata Internazionale della Lingua dei Segni

Giornata Internazionale della Lingua dei Segni

Il 23 settembre, sotto l’egida delle Nazioni Unite, si celebra la Giornata internazionale della lingua dei segni. Questa data è stata scelta per commemorare la fondazione della Federazione mondiale dei non udenti (WFD), avvenuta nello stesso giorno nel 1951, un risultato ottenuto grazie agli sforzi della WFD nel 2017.

Blu7 scrive degli argomenti più disparati, traendo elementi e spunti di riflessione per l’analisi sociologica ed il marketing e li rende pubblici per i piccoli imprenditori, professionisti, colleghi o chiunque ne possa trarre beneficio. Tutti gli elementi importanti nel testo li evidenziamo in neretto.

Nel Mondo si contano circa 72 milioni di persone non udenti, come riportato dalla Federazione Mondiale dei Sordi. Queste persone utilizzano un insieme di oltre 300 lingue dei segni distinte. È fondamentale riconoscere che le lingue dei segni sono lingue naturali a pieno titolo, nonostante la mancanza di consapevolezza di molti.

Le lingue dei segni, pur avendo differenze strutturali rispetto alle lingue parlate, meritano lo stesso riconoscimento e importanza. Esiste anche una lingua dei segni internazionale, che viene utilizzata dalle persone sordomute durante incontri, viaggi e riunioni internazionali.

Le lingue dei segni, che sono linguaggi visivi che veicolano messaggi, sono state utilizzate dalle persone sorde da sempre in passato.
Non è noto il numero esatto di queste lingue nel mondo, ma generalmente ogni paese ha la propria lingua dei segni, e alcuni ne hanno più di una. Uno dei resoconti più antichi registrati sulla lingua dei segni si trova nel Cratilo di Platone, pubblicato nel XV secolo a.C.

Nel 60 dopo Cristo, la lingua dei segni viene utilizzata per la prima volta, come riportato nel primo capitolo del Vangelo di Luca.

Nel 685 dopo Cristo, quando Giovanni di Beverley, vescovo di York, insegna a un sordo a parlare nella lingua dei segni, è considerato un miracolo e successivamente è stato canonizzato.

Saltiamo al 1760, l’Abbé Charles Michel de l’Épée fonda la sua scuola per non udenti a Parigi, basando i suoi insegnamenti sulle sue osservazioni di persone sorde che comunicavano con le loro mani nelle strade parigine.

La conoscenza delle lingue dei segni storiche era limitata fino al XIX secolo, con dati prevalentemente legati ai sistemi di ortografia digitale, o alfabeti manuali, creati per tradurre parole da una lingua parlata a una lingua dei segni.
Si ritiene che il primo alfabeto manuale sia stato inventato da Pedro Ponce de Leon.

La Giornata internazionale delle lingue dei segni, celebrata per la prima volta il 23 settembre 2018, è uno degli eventi più recenti osservati a livello globale. La data commemora l’anniversario della fondazione della Federazione mondiale dei sordi nel 1951.

Ogni anno la giornata ha un tema diverso:
– nel 2018, ad esempio, il tema era “Con la lingua dei segni, tutti sono inclusi”.
– Il tema del 2019 era “Diritti della lingua dei segni per tutti!”

È utile conoscere il tema di ogni anno, poiché può fornire spunti su come celebrare la giornata. Ad esempio, nel 2019, conoscere i diritti delle persone che usano la lingua dei segni avrebbe potuto essere un ottimo modo per ampliare le proprie conoscenze e aumentare la consapevolezza e fare del buon Marketing.

Pubblicità e inclusione persone sorde e sordomute

Alcuni esempi di pubblicità che includono persone sorde e sordomute:

  • Nel 2017, la pubblicità per i cereali Cheerios ha presentato una famiglia sorda interpretata dall’attore Marlee Matlin. La pubblicità è stata elogiata per la sua inclusività e per aver contribuito a sensibilizzare sulla sordità.
  • Nel 2018, la pubblicità per il telefono Pixel di Google ha presentato una ragazza sorda che usa il telefono per comunicare con i suoi amici e familiari. La pubblicità è stata elogiata per la sua rappresentazione realistica della vita di una persona sorda.
  • Nel 2019, la pubblicità per la linea di moda Tommy Hilfiger ha presentato un modello sordo. La pubblicità è stata elogiata per la sua inclusività e per aver contribuito a far conoscere la moda alle persone sorde.

Questi sono solo alcuni esempi di pubblicità che stanno aiutando a promuovere l’inclusione delle persone sorde e sordomute

Persone e Personaggi da seguire

Vi segnaliamo il profilo di Ludovica Billi (https://www.instagram.com/ludovicabilli/) che utilizza in maniera molto valida ed efficace il suo profilo social per introdurci nel Mondo del Linguaggio dei Segni.

Blu7 Agenzia per la Comunicazione, Pubblicità e Marketing a Firenze.

Data

Set 23 2024

Ora

All Day

Luogo

Mondo

Prossimo avvenimento

QR Code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.